Buon Natale Precario

lavoro precario Natale

Il precariato è sicuramente uno dei flagelli della nostra epoca, per tutti i lavoratori e in particolare per i giovani: sempre più lavoretti sempre meno lavori.

Trovare un’occupazione stabile prima dei 40 anni diventa sempre più raro. Più di un giovane su quattro, nella fascia d’età che va dai 15 ai 34 anni, ha un lavoro precario o part time.

Il precariato è ormai una condizione esistenziale ed è una realtà che interessa circa 2,4 milioni di lavoratori da Nord a Sud, in qualsiasi luogo d’Italia, da San Remo (Im) a Forlì-Cesena (Fc), passando per Rossano (Cs) e arrivando a Sant’Angelo di Brolo (Me).

Da qui nasce l’originale e provocatoria iniziativa natalizia di Euristeo Ceraolo, un ex-precario della Scuola Pubblica, che fa riflettere sul dramma dei lavoratori di serie B. Ecco i Re Magi del nuovo millennio.

I tre Re Magi Precari

Quest’anno nella grotta dove è nato Gesù bambino insieme a Giuseppe e Maria il bue e l’asinello, i Re Magi, gli Angeli ed ai noti pastorelli e le pecorelle, troveremo vicino i tre “Re Magi Precari”.

Euristeo Ceraolo

Euristeo Ceraolo e i “Tre Re Magi Precari”

Le tre statuine in formato su “scala” rappresenterebbero un po’ la vita è il percorso di un ex-precario della Scuola Pubblica, Euristeo Ceraolo (nativo di Rossano (Cs) ed è stato precario a Forlì) e autore del presepe dei Re Magi Precari, che con questa singolare ed unica iniziativa del genere ha voluto mettere in evidenza il disagio di tutti i lavoratori “Precari” e non solo, ricordando quando quel contesto lo ha vissuto in prima persona sulla propria pelle e adottando ogni volta forme di lotta creativa.

Il primo dei magi rappresenta una provocazione, e indossa la maglietta Euristeo precario…sposerò la Carfagna. La provocazione, scrive Ceraolo, è servita per ricordare all’opinione pubblica il disagio vissuto dalla scuola statale sia per i tagli alla Cultura, l’Istruzione Università e Ricerca e sia per i tagli al personale precario “Docente e Ata”. La seconda statuina evidenzia lo slogan: Euristeo Precario… Ma Sto Cercando di SMETTERE. Ed infine, l’ultimo magio indossa la maglietta: Euristeo VIP (Vincere Il Precariato), personaggio che realizza foto con i “Vip” a sostegno dei lavoratori precari.

Da leggere: La scuola è morta

Le statuine che raccontano un pezzo triste d’Italia

“Questo natale sarà diverso dal solito. Lontano dalle luci colorate che siamo abituati a vedere ogni anno, dai panettoni per chi festeggia l’evento annuale e i regali per chi è stato più buono. Come si può festeggiare senza pensare al prossimo?“, conclude Euristeo Ceraolo.

Il presepe, che ospita i “Tre Re Magi Precari”, è esposto per tutto il periodo Natalizio presso il Palazzo S. Bernardino a Rossano (Cs), in occasione della manifestazione denominata “Natalitia 2017”. Ingresso gratuito per il pubblico.