La politica ha nauseato, cari politici ci avete rotto

politica nausea

La politica ha nauseato. Lo si capisce dalla scarsa affluenza alle urne delle elezioni siciliane ed a quelle di Ostia dove praticamente i due terzi degli aventi diritto non hanno votato. L’astensione al voto ormai viaggia da diversi anni al 50%, vota 1 elettore su 2 quando va bene. In 40 anni si è perso il 40% di votanti. Un’idea assurda potrebbe essere questa: Vota solo il 50%? Allora dimezziamo il numero dei parlamentari.

Gli Uomini e le Donne Qualunque sono incazzati, delusi, amareggiati e nauseati dalla politica, anzi dai politici ladri e corrotti. Se oggi politico significa ladro o corrotto, non è colpa degli italiani.

La politica della nausea

Non c’è più fiducia nei politici. In Italia la disoccupazione è 2,5 punti percentuali sopra la media europea. La pressione fiscale è al 43,3%. Quindici milioni di italiani vivono sotto la soglia di povertà assoluta, cioè per mangiare devono rivolgersi all’assistenza pubblica o alla carità privati. Con questi numeri vergognosi da quarto mondo non rimane altro che la nausea.

La gente non ne può più e quando vede una trasmissione politica cambia canale. Ormai hanno maggiore audience i delitti, la cronaca rosa e il Grande Fratello.

Altre risorse: L’Analfabetismo politico degli italiani

I politici non conoscono la vergogna e la dignità

I politici ci hanno rovinato e non sanno più nemmeno vergognarsi. Il peggior difetto di questa truffaldina classe politica è l’incapacità di capire di essere incapace. Tant’è che i rappresentanti del popolo si stupiscono di avere nauseato la maggioranza dei cittadini.
la politica dell'inganno
Sarebbe ora che i nostri politici se lo mettano bene in testa. Possono vincere, perdere, pareggiare, inciuciare per la poltrona, ma loro tutti insieme, nessuno escluso, hanno perso il Paese, pezzo dopo pezzo. Non se li caga più nessuno. È una sorta di arcobaleno politico, in cui ciascuno contribuisce a generare disgusto.