Quanto guadagna un medico di famiglia

Quanto guadagna un medico di famiglia

Quanto guadagna per ogni paziente un medico di famiglia? Alzi la mano chi non si è mai posto questa domanda. La risposta ve la svelo subito.

Il medico di base, conosciuto come “medico della mutua“, è quello che incassa mediamente di più all’interno del panorama delle professioni mediche in Italia.

Si arriva a guadagnare anche 6.000 euro al mese, più di un primario ospedaliero.

Medico di famiglia, quanto mi costi?

Andiamo con ordine e scopriamo insieme quanto guadagna un medico di famiglia, consultando le vere cifre riportate dal Sindacato medici italiani (Smi) che nel 2015 ha pubblicato un report con i guadagni dei medici.

Incominciamo col dire che il guadagno di un medico di base può cambiare in quanto viene calibrato sulla base del numero di pazienti che possono rivolgervisi, dell’anzianità della laurea e su una quota fissa annuale.

Altre risorse: In Italia si ruba in una Asl su tre

Una quota per assistito, soldi extra per pazienti anziani

Un unico medico di base può al massimo avere 1.500 pazienti, alcuni medici hanno in carico anche 1.800 pazienti. La media nazionale è comunque di un medico ogni 1.150 assistiti (in Lombardia la media è di 1 ogni 1.300 pazienti, nel Lazio di 1 ogni 1.000».

Per ogni assistito il compenso varia dai circa 70 euro per chi ne ha meno di 500 fino orientativamente ai 35. In pratica, meno pazienti si ha e più la quota è maggiore.

A ciò vanno sommati eventualmente anche i guadagni per la reperibilità notturna, i contributi per assistiti oltre i 75 anni (16,43 euro in più), i servizi di guardia medica e le maggiorazioni per l’anzianità di laurea.

Altre risorse: Il dolore trasformato in business

Uno stipendio d’oro: tra i 3.500 euro e i 6.000 euro al mese

Secondo lo Smi, un medico di famiglia guadagnerebbe circa 75mila euro all’anno, per 24 ore alla settimana, prendendo circa 60,7 euro all’ora: ciò significa che in media al mese un medico di base può guadagnare fino a circa 5800 euro al mese.

Ad esempio, lo stipendio annuale lordo di un medico della mutua con i vari bonus, dal quale devono essere sottratte tutte le spese che derivano dalla tassazione e dagli esborsi riconducibili alla gestione dell’attività, con 1.500 assistiti, si aggira in totale fra i 100.000 e i 135.000 euro l’anno, mentre con 2.000 pazienti la retribuzione sarà tra i 135.000 e i 180.000 euro.

Altre risorse: La malasanità è la terza causa di morte

Conclusioni e proposte provocatorie

Certamente non tutti i medici hanno le stesse indennità, ma è difficilissimo trovarne uno solo con lo stipendio base, proprio perché i contratti integrativi regionali disciplinano in modo ferreo tutta la giornata del medico, da quando apre l’ambulatorio alla chiusura e secondo che tipo di ambulatorio è.

Quindi ci si aspetterebbe davvero un servizio di eccellenza, invece sempre più spesso vediamo orari “costrittivi”. Un giorno sì, uno no, magari telefonare per prenotare.

La Sanità è una delle voci di spesa più rilevanti dell’intera spesa pubblica, e in un momento di crisi nera, dove 12 milioni di italiani sono troppo poveri per curarsi, questi stipendi sono decisamente un’ulteriore schifezza di un sistema insostenibile che peraltro non si basa sul merito ma solo sulla occupazione fisica di un posto.

Quindi non si capisce il perché un medico di famiglia non debba essere pagato “a consumo”, visto che la maggioranza dei cittadini vede il medico sì e no una volta all’anno e spesso in maniera molto “frugale”, invece che con criteri di retribuzione stipendiale commisurata a un fisso per il numero totale dei pazienti.

Voi cosa ne pensate? Siete d’accordo? Lascia la tua opinione nei commenti.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Inserisci il tuo indirizzo email, clicca OK e attiverai la tua iscrizione!


Commenti

  1. […] Altre risorse: Quanto guadagna un medico di famiglia […]