L’Europa unita non è mai esistita

Europa unita

L’antropologa Ida Magli, scomparsa un anno fa all’età di 90 anni, ha dedicato gli ultimi 20 ad attaccare l’idea e la realizzazione dell’Europa unita. Celebre il suo saggio “Contro L’Europa” che 17 anni fa suscitò parecchio scalpore.

Proprio l’Europa unita, quella dei Trattati di Roma, e che lei ha sempre considerato un’idea sbagliata, un errore, un progetto che ha penalizzato le identità e le sovranità nazionali, senza sguardo né sul passato né sul futuro, ma utile alla dittatura di economisti e banchieri. L’Europa doveva abolire la storia. La storia ha abolito l’Europa.

L’Europa unita non esiste, l’Euro ha fallito

Non esiste un’idea di Europa unita. Ho fatto tante ricerche ma non ho mai trovato il delinearsi di un popolo europeo. Non si può sommare l’Italia con la Francia, l’Inghilterra con il Belgio. Ogni popolo ha la propria letteratura, la propria arte, la propria lingua. E che facciamo?

La moneta unica è fallita perché non poteva non fallire in quanto strumento di un’Europa che non esiste e che non può esistere. La moneta unica è lo strumento di un popolo e non la si può imporre fuori dall’economia dei singoli Stati.

L’Ue non è uno Stato, il parlamento europeo è un finto parlamento in quanto rappresenta uno Stato che non esiste e difatti non legifera se non marginalmente. Le decisioni, come è noto, le prende la Banca Centrale europea, il Consiglio o, a piacere, la Merkel insieme a Hollande. Tutto è “finzione” di ciò che è stato costruito sotto il nome di Unione europea, ma la finzione era indispensabile, sia perché unificare politicamente le nazioni più progredite del pianeta era (e rimane) un’idea assurda, sia per soddisfare i politici dei vari Stati i quali possiedono così una miriade di poltrone, di stipendi, di benefici e il gusto della grandeur: Alto Rappresentante, ecc. ecc., non vi fa ridere?.

Da leggere: L’Eurozona è la più grande catastrofe della storia economica

Il referendum sull’Euro non lo farete mai

C’era una volta la lira. E il franco francese, il marco, il peso. E la dracma. Le monete nazionali. C’erano una volta le monete nazionaliNon c’è nessuna speranza di poter abbandonare l’Euro o uscire dall’Europa perché, appunto, ai politici non conviene, non intendono farlo, e hanno anche paura dei poteri massonici di Bruxelles. Non mi sembra che dica esplicitamente di uscire dall’Europa neanche la Lega e comunque non avrebbe la maggioranza per poterlo ottenere. Salvini forse ha delle idee, forse. Ma ha anche una presunzione tale che realizzarle sarà difficile. Dei referendum sull’Euro proposti da Grillo è inutile parlare: sono promesse al vento e per giunta in malafede. Il referendum per uscire dall’Euro non si farà mai. Non mi sembra che abbiano cambiato la Costituzione che lo vieta in materia di politica estera e fiscale, quindi il referendum sull’Euro non si può fare.

Siamo governati da gente che ci disprezza e che è veramente fuori dalla storia. Stiamo morendo, nel tripudio generale, con una specie di “suicidio felicemente assistito” dai nostri stessi leader, governanti e giornalisti”.