Il mestiere del mendicante

Il mestiere del mendicante

Il denaro, l’illusione della ricchezza è diventato il banco di prova del valore. In questa prova i mendicanti, o accattoni, falliscono e per questo sono disprezzati.

Se si potessero guadagnare cento euro alla settimana con l’assiduo accattonaggio, immediatamente l’accattonaggio diventerebbe una professione rispettabile.

Fare il mendicante, è un mestiere. Un lavoro

Il mendicante accetta tutto: povertà, fame, disprezzo. Tutto. Un mendicante è semplicemente un uomo d’affari che, come altri uomini d’affari, si guadagna la vita come capita: chiedendo l’elemosina.

Egli non ha perduto l’onore più di quanto l’abbiano perduto la maggior parte degli uomini moderni: ha solo commesso l’errore di scegliere un mestiere col quale è impossibile diventare ricco.

In tempi di crisi economica dovrebbe essere dovere sociale sostenere i più deboli e impoveriti. Invece in Italia…

Al più antico mestiere del mondo Totò dedicò una poesia: ‘E pezziente

‘E pezziente

All’angolo ‘e via Chiaia
se mette nu pezzente
‘e puosto tutt’ ‘e juorne,
e nun accocchie niente.
Pulito, dignitoso,
nu stenne maie na mana;
ll’uocchie ‘nchiuvate ‘nterra
pe na jurnata sana.

‘A ggente nun ‘o guarda
e nun ‘o ffanno apposta:
pe ffà chillu mestiere
nce vò ‘a faccia tosta!

Io ne cunosco a uno:
Peppino ” ‘a Fiurella!”.
S’ ‘a fà a Santa Teresa,
vicino ‘a Parrucchiella.

Si ‘o daje na cinche lire
‘o sango lle va stuorto,
t’ ‘a jetta ‘nnanze ‘e piere
e arreto te fa ‘e muorte.

Dà ‘e sorde c’ ‘o ‘nteresse,
‘a sera va ‘a cantina;
tene pure ‘a “seicento”,
tre cammere e cucina.

Invece chillo ‘e Chiaia,
misero e vergognoso,
stanotte è muorto ‘e famme,
povero e dignitoso.


Commenti

  1. […] Il mestiere del mendicante: Se si potessero guadagnare cento euro alla settimana con l’assiduo accattonaggio, immediatamente […]