Il Twiga di Briatore è la spiaggia più cara d’Italia

Il Twiga di Flavio Briatore è la spiaggia più cara d'Italia

Il Twiga di Flavio Briatore, l’esclusivo stabilimento balneare di Marina di Pietrasanta in provincia di Lucca, è la spiaggia più cara ed esclusiva d’Italia.

Affittare un “Presidential Gazebo“, struttura dotata di televisione e musica, può venire a costare al giorno ben 1.000 euro al giorno. Al secondo posto si piazza l’Hotel Excelsior di Venezia, dove una capanna in zona centrale costa 410 euro al giorno. Terzo gradino del podio a Porto Cervo: per l’affitto giornaliero di un ombrellone e due lettini ad agosto si spendono 400 euro. È quano emerge dalla classifica stilata dal Codacons che, come ogni anno, mette in lista i lidi più esclusivi del Bel Paese.

La top 5 delle spiagge più care d’Italia

Marina di Pietrasanta (Twiga). Presidential Gazebo: 2 letti marocchini, tavolo centrale, 4 lettini, possibilità di avere su richiesta televisione e musica: 1.000 euro al giorno. Arabian Gazebo: 2 lettoni marocchini con materasso, 2 lettini, 2 sdraio, 1 sedia da regista, 1 tavolo: 400 euro al giorno. Classic Gazebo: 2 lettini, 2 sdraio, 1 sedia da regista, 1 tavolo centrale: 300 euro al giorno.

Venezia, Hotel Excelsior. Due lettini, 2 sdraio, tavolino, 4 seggiole e 3 teli da mare: 410 euro al giorno in prima fila, zona centrale.

Porto Cervo (Hotel Romazzino): 1 ombrellone e 2 lettini, uso piscine, doccia, spogliatoi e parcheggio: 400 euro al giorno.

Lerici (Eco del Mare): Cabina privata deluxe: ombrellone + lettino o pomodone + 1 telo mare per lettino fino a un massimo di 4 persone: 300 euro al giorno.

Forte dei Marmi (Augustus Hotel): Tenda con extension per 4 persone con cassaforte, tavolo con 4 sedie, cassapanca, 2 sdraio, 2 lettini e 4 teli da mare: 290 euro al giorno.

Ovviamente, spiega il Codacons, si tratta di stabilimenti balneari esclusivi, che offrono servizi di lusso ai propri clienti e una serie di benefit accessori come cassapanche, teli da mare personalizzati, cassaforte per conservare in spiaggia gioielli e oggetti preziosi, e in alcuni casi acqua e frutta inclusi nei costi del noleggio.

Se in genere per un ombrellone e due lettini si pagano in media 25-30 euro al giorno, negli stabilimenti più “in” del Paese si può arrivare a spendere fino a 30 volte di più. Nell’Italia della disoccupazione a due cifre, quanti posso permettersi questi lidi esclusivi, riservati e costosi?