PIIGS, i maialini e la maiala Europa

PIIGS

PIIGS sono le iniziali di Portogallo, Irlanda, Italia, Grecia e Spagna. In inglese PIIGS si pronuncia pigs e significa maiali. Ma maiale si dice pig in inglese e maiali fa PIIGS, raddoppiando la i per enfasi, e PIIGS fa Portogallo, Irlanda, Italia, Grecia e Spagna. I maialini d’Europa.

Questo è l’epiteto che dal 13 dicembre 2007, con la firma del Trattato di Lisbona, i grandi finanzieri europei danno nelle riunioni strategiche dell’Unione Economica e Monetaria ai Paesi del Sud Europa e all’Irlanda (da sempre, colonia britannica sfruttata).

Nell’Europa dei potenti durante incontri ufficiali degli organismi finanziari si utilizza l’acronimo PIIGS per offendere ma, ad un tempo, trattenere nell’Europa i maiali mediterranei, così da utilizzarli per le necessità di espansione e di dominio di chi tiene in mano l’Europa.

L’origine della crisi dei debiti europei non risiede nell’inadeguatezza delle popolazioni dei Paesi in crisi (i maiali) ma nelle fondamenta stesse dell’Euro.

La Regina Europa è nuda. Quella contro i PIIGS è una vera e propria idiozia finanziaria collettiva. La vera maiala è l’Europa. L’Euro.

Se i maialini si risvegliano possono fare un’Europa diversa dalle brume e dalle brame di Francoforte. E poi lo sappiamo che di un maiale non si spreca nulla quando gli si fa la festa.

Non ci credete? Andate a vedere “PIIGS, ovvero come imparai a preoccuparmi e a combattere l’austerity“, documentario italiano di Adriano Cutraro, Federico Greco e Mirko Melchiorre. La programmazione del film viene decisa di settimana in settimana. Le prossime date verificatele direttamente sulla pagina Facebook del documentario.

L’Europa potrà sopravvivere solo se cambierà strada. Europa deve significare giustizia sociale, responsabilità ambientale, democrazia e pace. I maiali e maialini lasciateli nel porcile.