Nel 2016 sono 250mila gli italiani scappati all’estero

italiani scappati all'estero

In Italia a partire dalla crisi del 2008 e specialmente nell’ultimo triennio, si emigra come negli anni del dopoguerra: nel 2016 sono 250mila gli italiani scappati all’estero. La cifra ha superato i flussi degli immigrati in Italia.

Secondo le anticipazioni del Dossier statistico sull’immigrazione 2017, che il centro studi cura insieme alla rivista Confronti, nel 2016 più di 250mila italiani hanno lasciato il loro Paese di nascita. Sono più degli stranieri che sbarcano sulle nostre coste: 181mila nel 2016, 200mila quelli attesi quest’anno. Nel dopoguerra erano 300mila l’anno gli italiani in uscita.

Hanno fatto le valige soprattutto laureati e dottorandi in cerca di migliori condizioni lavorative. Sono loro i “migranti economici” dell’Italia.

Le destinazioni europee più ricorrenti sono la Germania e la Gran Bretagna. A seguire, l’Austria, il Belgio, la Francia, il Lussemburgo, i Paesi Bassi e la Svizzera (in Europa si indirizzano circa i tre quarti delle uscite) mentre, oltreoceano, l’Argentina, il Brasile, il Canada, gli Stati Uniti e il Venezuela.


Commenti

  1. […] Ricevo e pubblico la testimonianza di un 33enne disoccupato “figlio del Sud” scappato dall’Italia ed emigrato in Svizzera in cerca di lavoro. In Italia a partire dalla crisi del 2008 e specialmente nell’ultimo triennio, si emigra come negli anni del dopoguerra: nel 2016 sono stati 250mila gli italiani scappati all’estero. […]