Il corrotto del giorno: “Roma ladrona”, e la Lega Nord intanto rubava

Lega Nord Ladrona

Soldi pubblici e del partito utilizzati per spese personali. Un bel tesoretto di quasi un milione di euro sperperato da Umberto Bossi e figli. Non solo loro, di mezzo c’è anche l’ex tesoriere Francesco Belsito.

Eccoli qua, quelli che nel 1992 dicevano: Roma ladrona. Quelli che, sempre nel 1992, mostravano il cappio in Parlamento contro i ladroni e tangetari. Nel mentre la Lega Nord rubava.

L’accusa: appropriazione indebita. Bossi senior così ha incassato due anni e tre mesi. Un anno e mezzo per il figlio Renzo. Altri due anni e sei mesi per Belsito. L’altro figlio, Riccardo Bossi, era stato già condannato con rito abbreviato a un anno e otto mesi.

Ecco come spendeva i nostri soldi la Lega Nord. La famiglia Bossi era mantenuta dalla Lega Nord. Uno spendi e spandi alla faccia degli italiani.

Belsito si sarebbe appropriato di circa mezzo milione di euro, mentre l’ex leader del Carroccio avrebbe speso con i fondi del partito oltre 208mila euro. A Renzo Bossi sono stati addebitati, invece, più di 145mila euro, tra cui migliaia di euro in multe, tremila euro di assicurazione auto, 48mila euro per comprare una auto (una Audi A6) e 77mila euro per la “laurea albanese”.

Ma Renzo Bossi non demorde e, ieri, fresco fresco di condanna ha commentato: “È solo il primo grado ma andiamo avanti. Il partito non mi ha mai pagato le multe, tutte rateizzate da me nel 2013, né la laurea in Albania dove non sono mai stato”.

“La condanna a Bossi? Dispiace dal punto di vista umano. Fa parte però di un’altra era politica. La Lega ha rinnovato uomini e progetti“, afferma il segretario della Lega Matteo Salvini commentando le condanne.

Ecco il segreto: fingere di non essere stati ciò che si è stati. Il lupo perde il pelo ma non il vizio.

Buona mazzetta a tutti, avanti un altro c’è sempre posto. Intanto a pagare sono solo i cittadini.