Sanità negata: 11 milioni di italiani non hanno soldi per curarsi

sanità negata

La sanità negata aumenta ancora. Sono sempre di più gli italiani che non possono permettersi le cure. Erano 9 milioni nel 2012, sono diventati 11 milioni nel 2016 i cittadini che hanno dovuto rinviare o rinunciare a prestazioni sanitarie nell’ultimo anno a causa di difficoltà economiche, non riuscendo a pagare di tasca propria le prestazioni. La denuncia arriva dalla ricerca Censis-Rbm Assicurazione Salute.

Secondo la ricerca la spesa privata per la sanità, cioè quanto devono sborsare gli italiani di tasca propria per esami e controlli, è salita a 34,5 miliardi, 3 miliardi in più rispetto alla scorsa rilevazione. Al cambiamento “meno sanità pubblica, più sanità privata” si aggiunge il fenomeno della sanità negata: “niente sanità senza soldi“.

La sanità negata mette a rischio soprattutto le fasce più deboli della popolazione: riguarda 2,4 milioni di anziani e 2,2 milioni di millennial, la generazione nata tra la metà degli anni Ottanta e i primi anni del Duemila. Pensionati e quei giovani, spesso senza un posto di lavoro e con una vita precaria, che rinunciano a curarsi.

Pagare per acquistare prestazioni sanitarie è ormai un gesto quotidiano: più sanità per chi può pagarsela. Il 72,6% delle persone che hanno dovuto scegliere la sanità privata lo ha fatto a causa delle liste d’attesa che nel servizio sanitario pubblico si allungano. Sono inoltre 7,1 milioni gli italiani che nell’ultimo anno hanno fatto ricorso all’intramoenia (il 66,4% proprio per evitare le lunghe liste d’attesa). Il 30,2% si è rivolto alla sanità a pagamento anche perché i laboratori, gli ambulatori e gli studi medici sono aperti nel pomeriggio, la sera e nei weekend.

“Bisognerebbe ripensare le agevolazioni fiscali per le forme sanitarie integrative, per assicurare – afferma Marco Vecchietti, Amministratore Delegato di Rbm Assicurazione Salute – tutte le prestazioni che oggi sono pagate di tasca propria dagli italiani e per rimuovere le penalizzazioni di natura fiscale per i cittadini che decidono su base volontaria di assicurare la propria famiglia. La sanità integrativa è oramai un’esigenza per tutti gli italiani e non può più essere considerata un benefit per i lavoratori dipendenti o un lusso per i più abbienti”.


Commenti

  1. […] 11 milioni nel 2016, sono diventati 12,2 milioni nel 2016 gli italiani che hanno rinunciato o rinviato almeno una […]