Le bombe made in Italy che uccidono in Yemen

Roberta Pinotti

Bombe italiane fabbricate in Sardegna e assemblate negli Emirati Arabi Uniti uccidono civili, tra cui bambini, in Yemen. Questo è quello che avviene in una guerra per procura, un massacro sotto silenzio.

Da anni Rete Disarmo, Osservatorio Permanente sulle Armi Leggere e Politiche di Sicurezza e Difesa (Opal) e Amnesty International Italia denunciano l’esportazione verso la coalizione saudita. Secondo Giorgio Beretta (analista dell’Osservatorio Opal Brescia), segnala Avvenire, nel 2016 la RWM Italia, azienda italo tedesca specializzata in armamenti con sede a Ghedi e in Sardegna, ha potuto esportare in Arabia Saudita circa 20mila bombe per un valore di 411 milioni di euro.

Il conflitto in Yemen ha finora causato più di 10.000 morti e 44.000 feriti, di cui circa la metà tra la popolazione civile, provocando una catastrofe umanitaria che vede coinvolti oltre 1 milione di sfollati e con oltre 9,6 milioni di bambini che necessitano di assistenza umanitaria.

Secondo il “Rapporto finale del gruppo di esperti sullo Yemen” rilasciato il 27 gennaio 2017 al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, “Il conflitto ha visto diffuse violazioni del diritto umanitario internazionale da tutte le parti in conflitto. Il gruppo di esperti ha condotto indagini dettagliate su questi fatti ed ha motivi sufficienti per affermare che la coalizione guidata dall’Arabia Saudita non ha rispettato il diritto umanitario internazionale in almeno 10 attacchi aerei che diretti su abitazioni, mercati, fabbriche e su un ospedale”.

L’Italia vende armi in Medio Oriente, spesso in modo discutibile e poco trasparente, da decenni. Esportiamo bombe e importiamo rifugiati. Il Governo italiano tace. Il ministro della difesa Roberta Pinotti tace. Il silenzio nel nome degli affari.