Immunità parlamentare? Aboliamola!

abolizione Immunità parlamentare

Non ne possiamo più di politici che non possono essere arrestati, perquisiti o intercettati senza l’autorizzazione del Parlamento. Non ne possiamo più dell’immunità parlamentare.

Non sono più concepibili simili ed enormi divari tra cittadini e parlamentari. Una cosa è la libertà di critica politica e di libertà di svolgere regolarmente il proprio mandato, ma un’altra questione è la diversità di trattamento davanti alla legge. Aboliamola!

Lo strumento dell’immunità parlamentare è regolato dall’articolo 68 della Costituzione italiana, che recita:

I membri del Parlamento non possono essere chiamati a rispondere delle opinioni espresse e dei voti dati nell’esercizio delle loro funzioni. Senza autorizzazione della Camera alla quale appartiene, nessun membro del Parlamento può essere sottoposto a perquisizione personale o domiciliare, né può essere arrestato o altrimenti privato della libertà personale, o mantenuto in detenzione, salvo che in esecuzione di una sentenza irrevocabile di condanna, ovvero se sia colto nell’atto di commettere un delitto per il quale è previsto l’arresto obbligatorio in flagranza. Analoga autorizzazione è richiesta per sottoporre i membri del Parlamento ad intercettazioni, in qualsiasi forma, di conversazioni o comunicazioni e a sequestro di corrispondenza.

Basta aboliamola! Facciamo come in Belgio, Paesi Bassi, Svezia e Regno Unito, dove l’immunità parlamentare ha uno scopo molto limitato. L’immunità più importante goduta dai parlamentari in questi paesi è la libertà di espressione. Conserviamo l’insindacabilità degli eletti solo per i reati di opinione. Per il resto i politici devono essere uguali a tutti gli altri cittadini. Se devono essere arrestati, arrestiamoli. Se devono essere intercettati, intercettiamoli. Se devono essere pedinati e perquisiti, idem.

La legge deve essere uguale per tutti. L’art. 3 recita esplicitamente:

Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali.

Perché un Parlamentare non deve essere uguale ad un semplice cittadino?