Beatrice Lorenzin, vaccini obbligatori perché “migranti portano epidemie”

 Beatrice Lorenzin, vaccini obbligatori per colpa dei migranti

Il ministro della salute Beatrice Lorenzin si traveste da Salvini e dichiara senza mezzi termini, in occasione del lancio del numero verde 1500 sui vaccini, che milioni di migranti provengono da luoghi infetti in cui vi sono epidemie. Giusto per aizzare i più ignoranti. Siccome la balla dell’epidemia in atto non ha retto allora via con gli immigrati:

“Abbiamo flussi di milioni di persone che provengono anche da Paesi in guerra, da luoghi in cui queste epidemie ci sono. Ci sono in Nordafrica, nell’Est, ci sono stati 2 casi di difterite in Europa. Viviamo in un contesto geopolitico completamente diverso da quello di 20 anni fa. Abbiamo quindi delle situazioni che dobbiamo monitorare».

Peccato cara Beatrice Lorenzin che sino ad ora non siano mai venute alla luce malattie collegate agli immigrati. In un Paese normale l’avrebbero denunciata per procurato allarme. E pensare che proprio lei in risposta ad un post di Beppe Grillo e alle sue esternazioni sui rischi di contagio della tubercolosi portati dagli immigrati rispose così:

Non si fa politica sulla sanità, non si fa politica sulla pelle delle persone, non si fa politica cercando consenso o seminando terrore. Questo è profondamente sbagliato sempre, diventa drammatico quando si tratta il tema salute”.

A questo punto sorge il dubbio che le case farmaceutiche finanzino questo inarrestabile flusso migratorio per generare allarme sanitario e vendere vaccini. Ma questa sarebbe impossibile da dire, vero Lorenzin?


Commenti

  1. […] questi ultimi anni è riapparso il “dagli all’untore”, cioè “agli immigrati” che porterebbero con loro epidemie come l’HIV, la tubercolosi, la scabbia, la sifilide e, rimanendo all’attualità, la […]

  2. […] finti allarmismi prima sul morbillo poi sulla meningite poi sulle epidemie che porterebbero gli immigrati hanno ottenuto un’unica cosa: […]