L’Uomo Qualunque schiavo indebitato

indebitato

Essere indebitato sta diventando oggi la condizione generale della nostra vita. È quasi impossibile vivere senza contrarre debiti.

Il debito è diventato lo strumento principale con cui affrontare le necessità sociali. È il nuovo welfare. L’uomo qualunque sopravvive facendo debiti e vivendo sotto il peso della responsabilità di onorarli. Il debito lo controlla.

Non solo disciplina il consumo, imponendo austerità e riducendo le nostre strategie di sopravvivenza e di libertà, ma detta anche il nostro ritmo di lavoro e le nostre scelte. Se acquistiamo un appartamento con 40 anni di mutuo, ogni giorno dovremo assicurarci di non perdere il lavoro e di fare molta attenzione prima di prenderci una vacanza o un qualsiasi permesso.

L’effetto del debito, è devastante, logorante. Ci costringe a lavorare sodo senza distrazioni. Responsabilità e colpa. Un’ossessione per l’uomo qualunque. L’indebitato è condannato ad una vita infelice, paurosa.

La nostra vita è stata venduta al diavolo. I nuovi poveri sono tornati a essere dei nuovi schiavi. Schiavi del debito. In passato, in America e in Australia immigrati e popolazioni indigene dovevano lavorare per ripagare il debito, ma di frequente il debito cresceva in modo costante condannandoli alla servitù perenne. Trovate analogie?


Commenti

  1. […] smanetta (molto) sui Social Network, che prende un caffè al bar, che va al cinema a natale, che sopravvive facendo debiti e fa la coda incazzato allo sportello di Equitalia, che non ha lavoro e se c’è l’ha […]