Boldrini senza vergogna: Assume altri 50 esperti di social network

Laura Boldrini

Laura Boldrini, la presidente della Camera, terza istituzione dello Stato si è trasformata in una sorta di assumificio diretto o indiretto. Altro che spending review e richiami alla sobrietà. Scrive Franco Bechis su Libero:

“Laura Boldrini anche se come presidente della Camera è agli sgoccioli di questa legislatura, ha deciso di procedere a nuove assunzioni di staff, rinnovare contratti a tempo indeterminato in scadenza e stabilito perfino nuove regole per cui chi verrà si troverà in forza oltre 50 dipendenti senza poterli scegliere. In due diversi uffici di presidenza è stato infatti deciso di rinnovare per tre anni (più altri tre possibili) i contratti a termine dell’ufficio stampa, ma soprattutto di procedere a due ulteriori assunzioni in quel settore, perché a dire della Boldrini e del suo capo ufficio stampa, Stefano Menichini, mancherebbero nell’organico attuale le competenze che invece servirebbero. Secondo loro non c’è nessuno davvero esperto di social network e nessuno che abbia esperienza nel settore video…”. 

La Boldrini predica bene e razzola molto male. Le solite contraddizioni in una nuvola di incenso.