Salvini, una pernacchia ti seppellirà

Il pernacchio è disprezzo, profondo, totale, irrevocabile. Dice lo scrittore Erri De Luca, sugli incidenti avvenuti a Fuorigrotta sabato scorso in concomitanza con la manifestazione del leader leghista Matteo Salvini:

“De Magistris ha fatto il sindaco di una città che non gradisce questa presenza, si è astenuto dall’accogliere. La manifestazione doveva finire con i pernacchi, non con gli scontri. Ci troviamo alla presenza di uno che aizza i peggiori sentimenti, che specula con paure, risentimenti e avversioni. Flautulenze verbali che andavano semplicemente spernacchiate. Mi sarei aspettato, invece del solito urto con la polizia,una pernacchia gigantesca”.

Salvini è un pessimo politico che divide e non aiuta la coesione sociale del paese. Trae giovamento dallo scontro. In Italia vige la libertà di espressione, di libero pensiero e di pernacchia. In definitiva per non fare il gioco di Salvini la prossima volta facciamogli una bella pernacchia professionale di anima e cuore.