Kakistocrazia italiana

Kakistocrazia (dal greco kakòs, cattivo, o “kakistos”, peggiore) significa un governo guidato dalle persone meno affidabili del Paese. La “kakistocrazia” è il contrario dell’aristocrazia, nel senso ampio di “governo dei migliori“.

Che una kakistocrazia di irridenti arraffoni, corrotti e incapaci si sia da tempo installata al potere in Italia è indubbio. Con stupefacente sostegno popolare si affermano personaggi arroganti e insieme ridicoli.

La mancanza di senso della misura e la propensione alle gaffe ne fanno personaggi ridicoli, kitsch, soggetti ideali per la commedia o per la satira. Politici ignoranti, insipienti, infingardi. Tre “i”. Come “italiani”?

La colpa è di tutti noi. Se l’Italia non cresce, se è a rischio di default, è perché la guida, tanto politica che economica, di questo Paese è in mano ai peggiori. Non i mediocri, ma i peggiori. Governo dei kakistoi, i pessimi.

La colpa è nostra. Ormai non abbiamo più fiducia nella politica. Traditi da tutti i politici abbiamo perso perfino la capacità di sperare.

I popoli hanno i politici che si meritano. E noi ce li meritiamo.


Commenti

  1. […] Altre risorse: Kakistocrazia italiana […]