Fine vita tutta la vita

L’Associazione Luca Coscioni per la libertà di ricerca scientifica, da Piergiorgio Welby a Eluana Englaro a Walter Piludu a Fabo, da 11 anni combatte affinché il Parlamento dia una risposta alle richieste dei cittadini e intervenga per colmare il vuoto normativo sul fine vita. Nel 2013 ha depositato la proposta di legge di iniziativa popolare Eutanasia Legale. L’opinione pubblica è pronta, secondo un sondaggio realizzato da Ipsos Mori per The Economist, oltre il 60% della popolazione italiana è a favore dell’eutanasia. Il Parlamento, cosa aspetta?

L’eutanasia attiva è praticata in Europa in tre Paesi: Paesi Bassi dal 2001, Belgio dal 2002 e in Lussemburgo dal 2009. Nel resto del continente è possibile praticare l’eutanasia passiva, ovvero l’interruzione dei trattamenti medici necessari alla sopravvivenza (respirazione, alimentazione o idratazione artificiale). Nemmeno questo è possibile in Italia.

“L’esilio della morte è una condanna incivile. Compito dello Stato è assistere i cittadini, non costringerli a rifugiarsi in soluzioni illegali per affrontare una disperazione data dall’impossibilità di decidere della propria vita e della propria morte. Le testimonianze delle persone che hanno vissuto direttamente questo problema hanno fatto maturare un’opinione pubblica favorevole alla regolamentazione del fine vita e questo ha fatto fare grandi passi avanti alla magistratura. La politica invece sembra incapace di dare una risposta ai cittadini, ma deve comprendere che il vuoto normativo porta all’illegalità”.


Commenti

  1. […] Da leggere: Fine vita tutta la vita […]