Mai un attentato terroristico a chi governa l’Occidente

Gli attacchi terroristici prendono di mira solo il “popolo”, i poveri cittadini ignari e mai un esponente del “potere”. Non sarà che questi terroristi da un centesimo non colpiscono le istituzioni o la finanza perchè così rischierebbero di suscitare qualche simpatia o al massimo indifferenza? Colpendo la gente comune tutti si sentono possibili vittime, e scaricheranno il loro odio verso islamici, immigrati, rifugiati provocando la guerra civile che auspicano. I terroristi, uccidendo la gente inerme, fanno il gioco del sistema. L’Isis ha sotto di se un esercito di schiavi mercenari.

“Stragi su stragi. Senza tregua. Quasi una al giorno, ormai. Chissà perché, poi, questi orrendi attentati si abbattono sempre nei luoghi pubblici facendo strage di povera gente, di persone comuni, lavoratori e disoccupati, ragazzi e studenti. Mai una volta – avete notato? – che l’ira delirante dei terroristi si abbatta nei luoghi del potere e della finanza. Mai. Mai un signore della finanza colpito, mai uno statista, mai un “pezzo grosso” dell’Occidente. Strano, davvero, che i pazzi alfieri del terrorismo, che in teoria – si dice – avrebbero dichiarato guerra all’Occidente non prendano di mira chi l’Occidente davvero lo governa. Se non ci dicessero un giorno sì e l’altro pure che il terrorismo islamico ha dichiarato guerra all’Occidente si avrebbe quasi l’impressione che si tratti di una guerra di classe – gestita poi da chi? – contro lavoratori, disoccupati, classi disagiate: una lotta di classe tremenda, ordita per tenere a bada i dominati, per tenerli sotto tensione, proprio ora che, mentre stanno perdendo tutto, iniziano a sollevarsi (è il caso della Francia della “loi travail”, uno dei Paesi più colpiti dal terrorismo)”. Diego Fusaro