Perle Trumpiste

Non si dicono mai tante bugie quante se ne dicono prima delle elezioni, durante una guerra e dopo la caccia… Otto von Bismarck

“Odiatelo o amatelo, Donald Trump è un uomo sicuro di quello che vuole e che deve fare per ottenerlo, e non c’è niente che glielo possa impedire. Le donne trovano il suo potere eccitante quanto i suoi soldi. Tutta la mia vita gira intorno al vincere. Io non perdo spesso. Anzi non perdo quasi mai. Io sono il brand più sexy del mondo”.

“Dovremmo far entrare in questo Paese solo chi condivide i nostri valori e chi rispetta la nostra gente. Durante la Guerra Fredda avevamo un test ideologico. Siamo in ritardo ed è giunta l’ora di nuovi test per le minacce che affrontiamo oggi”.

“Ci saranno attacchi da non credere da parte delle persone che ora stanno venendo nel nostro Paese. I rifugiati che arrivano hanno con sé telefonini con sopra la bandiera dell’Isis. E chi paga per il loro abbonamento?”.

Stop Ebola. Basta far entrare i contagiati. Curateli laggiù. L’America ha già troppi problemi”.

Barack Obama è il fondatore dell’Isis. Hillary Clinton è la cofondatrice dell’Isis”.

“Il fallimentare New York Times ha scritto un altro pezzo su di me. Tutti sono impressionati da come io tratto carinamente le donne e loro non hanno trovato nulla. È uno scherzo. Tutti ne stanno ridendo. Ho dato loro molti nomi di donne che ho aiutato ma si sono rifiutati di usarli”.

“Se Hillary Clinton non ha mai potuto soddisfare suo marito, come pensate che possa soddisfare l’America?”.

“Un fonte molto qualificata mi ha telefonato per dirmi che il certificato di nascita di Obama è falso. Probabilmente ha una religione, e non vuole dirla. Se non vuole farlo è perché è musulmano. Vi dico questo: se non è nato nel nostro paese, è la più grande truffa di sempre”.

“Le donne possiedono una delle più sorprendenti strategie di tutti i tempi. Quelle intelligenti si mostrano molto femminili e indifese ma in realtà sono delle vere assassine. La persona che ha inventato espressioni come “il sesso debole” doveva essere molto ingenua o doveva essere stata ingannata. Ho visto donne manipolare gli uomini con una sola occhiata – o magari con un’altra parte del corpo”.

I messicani sono tutti criminali e stupratori. Bisogna costruire un muro sul confine con il Messico”.

“Stiamo perdendo molte persone per colpa di Internet e dobbiamo fare qualcosa. Dobbiamo andare a parlare con Bill Gates e con altre persone che capiscono davvero cosa sta succedendo. In certe aree, dobbiamo chiudere questa Internet in qualche modo. Qualcuno dirà “oh, la libertà di parola, la libertà di parola. Sciocchi…”. 

“Il pezzo che preferisco di Pulp Fiction è quando Sam tira fuori la pistola a cena e intima alla fidanzata di stare zitta. Dire a quella zoccola di stare calma. Dire: ‘Puttana, datti una calmata’. Amo queste frasi”.

Non c’è un solo osso razzista nel mio corpo. Io sono la peggior minaccia che si è mai presentata all’Isis”.