La tredicesima mangiata da tasse, mutui, bolli e canoni

tredicesima

Nel rincorrersi dei pagamenti da effettuare entro il 31 dicembre, dei quasi 35 miliardi di euro di tredicesime che verranno pagate quest’anno, il 14,6%, ossia 5,1 miliardi di euro, come nel 2015, resterà realmente nelle tasche di lavoratori e pensionati. Dopo il salasso fiscale di novembre, anche la gratifica natalizia verrà mangiato da tasse, mutui, bolli e canoni. Adusbef e Federconsumatori fanno i conti nelle tasche degli italiani.

Tredicesima impiegata per pagare gli aumenti iniziati a gennaio 2016 con le tariffe autostradali, benzina, bolli, accise, Tari; tariffe idriche, elettriche e del gas; ed un’altra serie infinita di ordinari balzelli che sfiancano le famiglie e mangiando i redditi, con le consuete scadenze fiscali, quali tasse, bolli, rate e canoni, che durante il mese di dicembre i contribuenti sono chiamati a versare, in particolare Tasi ed Imu seconda casa, da saldare entro il 16 dicembre. Con il risultato di ridurre dell’85,4% l’agognata gratifica natalizia. Nel rincorrersi dei pagamenti da effettuare entro il 31 dicembre, dei 34,90 miliardi di euro di tredicesime che verranno pagate quest’anno, il 14,6%, ossia 5,1 miliardi di euro, come nel 2015, resterà realmente nelle tasche di lavoratori e pensionati.

Su un monte tredicesime di 34,90 miliardi, +1,5% rispetto ai 34,40 miliardi del 2015: l’esborso per RC Auto assorbirà 5,1 miliardi, -1,9% rispetto al 2015. Per rimborsare prestiti e/o ratei se ne andranno 4,3 miliardi. +2,4% rispetto al 2015. Per pagare le rate di mutuo si spenderanno 3,8 miliardi, -2,6% rispetto al 2015. Per il bollo auto/moto occorreranno 4,2 miliardi, +2,4% rispetto al 2015. Le bollette assorbiranno 7,7 miliardi, +1,3% rispetto al 2015. L’IMU sulla seconda casa assorbirà 2,3 miliardi, +9,5% rispetto al 2015. La seconda rata della Tasi costerà 2,4 miliardi, +9,1% rispetto al 2015. Il totale delle voci di uscita considerate ammonta a 29,8 miliardi, +1,7% rispetto al 2015. Per la maggioranza, dunque, questo mini-gettito “extra” andrà a coprire debiti arretrati.

Per scopi più piacevoli restano 5,1 miliardi di euro, il 14,8%, rispetto al 9,4% del monte tredicesime, che potranno essere utilizzati per cenone, regali (spesso ai più piccoli), qualche viaggio, qualcosa da mettere da parte per future esigenze, non servirà a rilanciare i consumi, né ad alleviare le preoccupazioni di famiglie sempre più impoverite da rincari speculativi che si profilano in tutti i settori.