Parlamentari italiani ricchi, ricchissimi

soldi-politici

I politici italiani percepiscono uno stipendio da record mondiale. I nostri parlamentari percepiscono 5 volte il reddito pro-capite nazionale, oltre il doppio dei loro colleghi europei. Come riporta Il Tempo se si prende la retribuzione lorda, gli italiani, sfiorando i 10.500 euro. Tedeschi, francesi e belgi si attestano attorno ai 7 mila, livello più alto per Paesi Bassi e Austria (sopra gli 8mila), la Spagna sui 3 mila euro.

La “diaria“, cioè il rimborso di 3.503 euro per le spese di soggiorno a Roma, è inferiore ai 3.900 euro circa dei tedeschi, e molto superiore ai 1.800 spagnoli, che si mostrano doppiamente virtuosi, considerando che non è riconosciuta a quanti risiedono a Madrid. Rimborsi che se non usati dal parlamentare costituiscono un secondo stipendio. In Francia, invece, i parlamentari non ricevono nessun rimborso per pernottare a Parigi, ma possono contare sulle tariffe agevolate nei residence di proprietà del Parlamento.

Per i trasporti, in Italia ci sono a disposizione mille euro al mese per il tragitto da casa all’aeroporto, mentre in Spagna il rimborso è di 25 centesimi di euro per chilometro percorso e 250 euro al mese di ticket e taxi. Per i collaboratori, in Germania il deputato riceve per il suo staff 15.798 euro lordi e il contributo è gestito direttamente dall’amministrazione del Parlamento. E il politico non può assumere parenti, neanche acquisiti.

A tutto questo si aggiunge:

  • l’assegno di fine mandato: 46.814 euro per una legislatura, 140.443 per tre
  • il vitalizio: 2.486 euro al mese dai 65 anni con un mandato, 4.973 euro dai 60 anni con due, 7.460 euro con tre.

Evviva primi! Siamo i migliori! A quanto pare la crisi economica colpisce tutto e tutti tranne gli stipendi dei politici.