Questo sta accadendo adesso! La fabbrica degli schiavi gestita dal sistema

schiavi-del-sistema

“Se vuoi rendere un popolo schiavo devi crearti due alleati: il primo si chiama povertà, che si traduce in scarsità di denaro e risorse, il secondo alleato sono dei nemici, reali o immaginari, che il popolo percepisca come minacce. Dunque, se vuoi rendere e mantenere un popolo schiavo mantienilo affamato e impaurito, in lotta per la sopravvivenza, sul limite della miseria e assolutamente sfiduciato sul fatto che le cose possano cambiare. Rendigli difficile la vita. La scarsità di denaro farà sì che il popolo sia concentrato esclusivamente sul lavoro, racimolando a gran fatica quel poco che gli è necessario per sopravvivere. Non avrà tempo per leggere, informarsi e organizzarsi in ampi gruppi in grado di raccogliere e concentrare le energie contro il Governo. Le persone lotteranno fra di loro per sopravvivere, si ruberanno il pane, si denunceranno a vicenda e ci sarà competizione fra gli strati sociali che entreranno in competizione l’uno contro l’altro. Quando la disoccupazione dilaga e l’economia ristagna “gli altri”, chiunque essi siano, vengono percepiti come una minaccia perché nella scarsità sono tutti concorrenti”. Paolo Corda