Le Perle di mamma Meloni

perle-della-settimana-Giorgia-Meloni

La coerenza è comportarsi come si è, e non come si è deciso di essere….. Sandro Pertini

Riguardo i 21 sedicenti dirigenti di FdI (di cui solo 3 romani e 2 eletti non a Roma) che tanto clamore hanno fatto sui giornali perché hanno criticato la scelta di Guido Bertolaso, bisogna chiamare le cose con il loro nome: parliamo di 21 persone che da tempo sono andate via da Fratelli d’Italia, scegliendo di seguire Gianni Alemanno nel suo nuovo partitino con Gianfranco Fini e che fanno finta di essere di FdI solamente per parlarne male. Drammaticamente il gioco di alcuni è ormai quello di cercare di trascinare nel baratro e nella voragine insieme a loro tutto quello che è sopravvissuto della destra italiana. Questo è il gioco di Fini e Alemanno e mi dispiace che Storace si presti a questo disegno. Ma con il lavoro che Fratelli d’Italia sta facendo la destra sopravvivrà lo stesso. In ogni caso credo che sia una buona notizia per Guido Bertolaso sapere che Gianni Alemanno sostiene un altro candidato. È una garanzia di discontinuità rispetto alla Giunta Alemanno per quello che riguarda l’eventuale Giunta Bertolaso”. (17 febbraio)

“In una città come Roma che ha come simbolo una lupa che allatta due gemelli, non sarà un problema un sindaco che allatta un bambino”.

“Non temo nè Raggi nè Giachetti ma, se non arrivassi al ballottaggio voterei Raggi anche se trovo deludente la storia di M5s perchè speravo di avere degli alleati in Parlamento su alcuni argomenti di rottura. Poi ho capito che per loro l’unica cosa importante è che loro sono puliti e gli altri spazzatura e non ti aiutano mai a portare a casa un risultato”.

“Sto lavorando ad un programma “iper-ideologico” per Roma. Ho in mente alcuni punti. Primo: asili. Vorrei asili ovunque: comunali, statali ma anche e soprattutto condominiali. Sono stata nel Nord Europa, voglio importare un modello. Due: buche. Mi metto le calosce ai piedi e vado a controllare cosa cavolo mettono nelle betoniere. Ma a Roma fanno l’asfalto col semolino? Riparano, il giorno dopo piove e si crea la voragine. Ma si può? Tre: graduatorie delle case. Fuori dalle case tutti i vip che non aggiornano il canone. Quattro: mandare via dal Campidoglio i clienti di mafia capitale. Immagino un modo per premiare chi denuncia i casi di corruzione. Se becchi un ladro fai la cosa più utile. E voi che ne pensate?”.

Un voto dato a me è un voto contro chi ha truffato miliardi ai risparmiatori e contro il governo delle banche e degli amici delle banche. Non credo che le mie parole spaventino i moderati: sono moderati i correntisti di Banca Etruria depredati dei loro risparmi e i pensionati che hanno perso tutto e che si sono fidati di chi vendeva loro obbligazioni subordinate; sono moderate le vedove a cui vogliono tagliare la pensione di reversibilità; sono moderati i disabili costretti a ricorrere al Tar per difendere la loro indennità di accompagnamento e che il governo considera una ricchezza. Sono tutti moderati si, ma sono moderati incazzati“.

Giorgia Meloni