La luce in fondo al tunnel nel 2020 (forse)

luce tunnel-crisi
L’Ufficio studi della CGIA ricorda che dall’inizio della crisi (2007) ad oggi, nel nostro Paese il Pil è sceso di oltre 8 punti, i consumi delle famiglie di 6,5 punti e gli investimenti quasi 27,5 punti percentuali. La disoccupazione, invece, è pressoché raddoppiata. Se nel 2007 ammontava al 6,1%, il dato medio del 2015 dovrebbe attestarsi al 12,1%.

“Il Premier Renzi – segnala il coordinatore dell’Ufficio studi della CGIA Paolo Zabeo – fa bene a trasmettere ottimismo e fiducia. La situazione, tuttavia, rimane ancora molto delicata. Per recuperare il terreno perso ci vorrà molto tempo. Se nel prossimo futuro il Pil crescerà di almeno 2 punti ogni anno, il nostro Paese tornerà alla situazione pre-crisi solo nel 2020”.

Ovviamente, per ritrovare una crescita media così sostenuta (almeno 2% all’anno) è indispensabile far ripartire gli investimenti, in particolar modo quelli pubblici che, purtroppo, rimangono ancora molto fragili.

La CGIA ricorda che tra il 2007 e il 2014 l’ammontare complessivo degli investimenti al netto dell’inflazione è sceso di ben 109,4 miliardi di euro. Nessun altro indicatore economico ha registrato una contrazione percentuale così ampia.

“Gli investimenti – conclude Paolo Zabeo – sono una componente rilevante del Pil. Se non miglioriamo la qualità dei prodotti, dei servizi e dei processi produttivi siamo destinati a impoverirci. Senza investimenti questo paese non ha futuro. Ricordo, altresì, che le imprese contribuiscono per oltre il 60% del totale nazionale degli investimenti. Queste ultime, pertanto, saranno chiamate a giocare un ruolo determinante. Per fare ciò, il sistema creditizio, anche alla luce delle operazioni TLTRO e Quantitative easing, dovrà sostenere le imprese con nuova liquidità: altrimenti, con quali risorse gli imprenditori potranno rilanciare gli investimenti?”. cgiamestre