Corrotto del giorno: Francesco Belsito, ex tesoriere della Lega Nord

corrotto-del-giorno-Belsito-Lega-Nord

Francesco Belsito, ex tesoriere pro-tempore della Lega Nord, la Guardia di Finanza ha eseguito il sequestro preventivo per circa 2,4 milioni di euro di disponibilità finanziarie, conti correnti, libretti di risparmio, titoli, azioni, fondi, beni mobili e immobili intestati e società, solo formalmente intestati a terzi, ma effettivamente nella disponibilità di Belsito. Il reato a lui contestato è quello di dichiarazione fiscale infedele.

Secondo le indagini, svolte dal Nucleo di Polizia Tributaria di Genova e dirette dalla Procura del capoluogo ligure, risulta infatti che nel biennio 2011-2012 si sia indebitamente appropriato di circa 7,7 milioni di euro ai quali, per la normativa vigente in materia di tassazione dei proventi illeciti, corrisponde un’evasione di 2,4 milioni di euro, pari al valore in sequestro.

L’ex cassiere leghista, dopo aver ottenuto (secondo gli investigatori con una truffa) quasi 60 milioni di finanziamento pubblico fra il 2008 e il 2010, ne aveva esportato una parte all’estero per misteriosi “investimenti” con la collaborazione di 2 faccendieri: la notizia fu rivelata dal Secolo XIX a dicembre 2011 e innescò le inchieste che fecero crollare il cosiddetto “cerchio magico” del Carroccio.

La domanda nasce spontanea: ma se ha “rubato” 7,7 milioni al partito (e quindi a noi popolo italiano) perché gliene sequestrano 2,4? Misteri della corruzione. Buona mazzetta a tutti!


Commenti

  1. […] Soldi pubblici e del partito utilizzati per spese personali. Un bel tesoretto di quasi un milione di euro sperperato da Umberto Bossi e figli. Non solo loro, di mezzo c’è anche l’ex tesoriere Francesco Belsito. […]