Orgogliosamente razzista

Mimmo Moramarco-razzismo

Mimmo Moramarco, candidato ad Altamura (Bari) per Fratelli d’Italia, pugliese di 43 anni e padre di una bambina di 3 anni, sul suo sito loda Benito Mussolini. Nel santino elettorale si chiede: “In un paese civile e democratico tutti devono avere la possibilità di essere razzisti. Perché in Italia solo la sinistra deve essere razzista verso gli italiani? E perché chi è contrario viene etichettato come ignorante?”. Con questa perla chiedo agli amici pugliese come potete non dargli il voto.

Ma sul profilo Facebook, che vi invito a visitare, precisa: “Una mia domanda vedo che ha scatenato l’inferno! Qualche problemino di punteggiatura e grafica possono creare danni! Il concetto della domanda voleva essere un altro e “non sono razzista”, confermato anche dal mio status matrimoniale. Ma per non dare adito a nuove “sinistre” interpretazioni, la ripropongo. Ps. comunque non tutti i mali vengono per nuocere: invito a leggere i “civilissimi” commenti di chi dice di non essere razzista”.

Caro Mimmo sei un genio, il tuo non è razzismo è coglionismo. Ah scusate dimenticavo, se volete capire il vero significato di coglionismo visitate anche il suo blog.

“Se tutti quelli che pensano male di me sapessero cosa penso di loro, allora si che di me penserebbero ancora peggio…Tenace e solidale”. Mimmo Moramarco si descrive così su Twitter.

Mimmo Moramarco-tweet-razzismo

>>>>P.S. Aggiornamento e precisazioni: Il 26 Aprile 2015 ricevo email da parte di Mimmo Moramarco: “Con la presente si invita a voler rimuovere immediatamente il Vs articolo “orgogliosamente razzista”. Nonostante ci sia stato un errore e tempestivamente chiarito da parte dello scrivente, nessuno in prima persona si è dichiarato come Vs titolo e l’azione diffamatoria è palese anche nel conseguente scritto. Non è “un santino elettorale” ed è stato pubblicato (sempre Vs articolo diffamatorio) dopo averlo precisato e come confermato dalle date. Anche Per altro, si adirà al Giudice competente”. Domenico Moramarco (Mimmo).
La mia risposta: Caro Signor Moramarco,
nessuno ha scritto che lei è “orgoglioso di essere razzista”. Nel post citato non l’ho mai definita razzista ne tantomeno ho virgolettato attribuendogli l’orgoglio razzista, anzi l’ho definita testualmente “un genio, il tuo non è razzismo è coglionismo”. Il coglionismo, come il titolo del post, erano riferiti alla frase non a lei, forse è un po’ come il suo sinistronzi che ripete più volte? Le sue sono provocazioni le mie diffamazioni?
Mi sono quindi limitato alla cronaca dei fatti ed non ho omesso nulla. Ho riportato le sue frasi, la sua precisazione, con relativi e vari link.
Questione santino non santino. La definizione “santini”, così si chiamano anche se son digitali, è stata evidenziata dal Fatto Quotidiano del 24 aprile 2015 pagina 8, riferito anche alla sua immagine (allego foto).
Quindi ritengo di non aver diffamato nessuno e non intendo rimuovere nulla. Oppure non è possibile informare? Bisogna censurare? Ma d’altra parte se la sua frase “La democrazia è la più grande fregnaccia che l’uomo abbia inventato” riportata da Repubblica è vera capisco molte cose…..
Mi sembra che la vostra email sia un tentativo di limitare la libertà d’informazione e di espressione, attraverso il mezzo Internet. Se un giornale, ad esempio, pubblicasse qualcosa di inesatto, si può mandare una lettera di rettifica con elementi circostanziati, oppure sporgere querela. Ma certamente non si chiede di distruggere le pagine degli articoli di tutte le copie pubblicate. Dunque, finche un giudice non provi un eventuale reato di diffamazione (ma di chi?) – e la invito a procedere se vuole – tutto rimane dov’è.
Per correttezza e trasparenza aggiornerò l’articolo pubblicando la vostra doverosa replica, e rimango a disposizione per ulteriori rettifiche e precisazioni.
La saluto con una frase di Benito Mussolini (virgolettata), che sicuramente conoscerà e apprezzerà: “La disciplina deve cominciare dall’alto, se si vuole che sia rispettata in basso”.