I Paperoni della politica italiana

soldi-politica

Il più ricco del Parlamento italiano è il deputato azzurro, “re” delle cliniche private nel Lazio, nonché editore di Libero, Antonio Angelucci con un reddito imponibile 2013 di 5,2 milioni, seguito dal deputato dem Gregorio Gitti con 3,7 milioni, terzo l’ex ministro Giuliano Tremonti (senatore) il cui reddito imponibile è 3,3 milioni. Per il premier Matteo Renzi “solo” 98.961 euro. È quanto emerge dalle dichiarazione dei redditi dei politici consultabili online sul sito del Parlamento.

– Antonio Angelucci: 5.200.000 euro
– Gregorio Gitti: 3.700.000 euro
– Giuliano Tremonti: 3.300.000 euro
– Yoram Gutgeld: 3.145.194 euro
– Alberto Bombasse di Scelta Civica: 2.939.353 euro
– Niccolò Ghedini: 2.147.964 euro
– Franco Carraro: 1.459.642 euro
– Andrea Mazziotti (Scelta Civica) è il “Paperone” dei capogruppo alla Camera: 939mila euro
– Carlo Azeglio Ciampi: 669.815 euro
– Renato Brunetta capogruppo FI: 214.689 euro (più un’auto usata Bmw-Z3, kw 87, del 1999, una Fiat 110F berlina 500 del ’68, una Lada Vaz 2121 Niva dell’89 e una Jeep Wrangler del ’96
– Karl Zeller, presidente dei senatori di Svp-Per le Autonomie: 454.382 euro
– Pietro Grasso: 316.018 euro
– Pier Carlo Padoan: 53 mila euro (più 216mila euro di redditi in Francia)
– Federica Guidi, ministro per lo Sviluppo Economico: 278mila euro
– Carlo Rubbia: 237.091 euro
– Mario Monti: 207.325 euro
– Giuliano Poletti: 189.504 euro (più due fabbricati (abitazione principale e box) e due terreni a Mordano, in provincia di Bologna)
– Maurizio Lupi: 181.743 euro
– Andrea Cioffi del M5S: 181.000 euro
– Gianluca Galletti: 170.954 euro
– Dario Franceschini: 156.582 euro (più due fabbricati, uno a Ferrara l’altro a Roma e una nuda proprietà per successione. Possiede una Suzuky Wagon, una Fiat Idea e una moto Bmw del 1979)
– Beppe Grillo: 147.531 euro (più la villa di Marina di Bibbona con box e terreno pertinenziale; un appartamento a Rimini con box; un box a Valtournenche in Val d’Aosta; un appartamento a Megeve, in Francia, con due posti auto; e uno anche Lugano con posto auto e cantina; 10 azioni della Banca Popolare Etica; una quota del 98% della Bellavista, società di Genova; e un’altra quota del 99% della Gestimar S.r.l)
– Carlo Giovanardi: 141.477 euro
– Luigi Zanda del Pd: 137.649 euro
– Roberto Calderoli: 130.251 euro
– Paolo Romani: 126.400 euro
– Loredana De Petris del Misto-Sel: 121.486 euro
– Maurizio Gasparri: 121.476 euro
– Laura Boldrini: 115.338 euro
– Renato Schifani di Ap: 114.532 euro
– Maurizio Martina, ministro Politiche Agricole: 111.084 euro
– Paolo Gentiloni: 109.656 euro (più azioni di Generali, Intesa San Paolo e Unicredit)
– Stefania Giannini, ministro dell’Istruzione: 108.270 euro
– Antonio Razzi: 105.270 euro
– Mario Ferrara, capogruppo di Gal: 99.000 euro
– Matteo Renzi: 98.961 euro (più tre fabbricati, a Pontassieve e Rignano, e un uliveto a Rignano, tutti in comproprietà e in provincia di Firenze)
– Elena Cattaneo: 98.436 euro
– Umberto Bossi: 98.473 euro
– Beatrice Lorenzin: 98.471 euro
– Nunzia De Girolamo: 98.471 euro
– Massimiliano Fedriga della Lega Nord: 98.000 euro
– Angelino Alfano: 97.978 euro
– Maria Elena Boschi: 94.488 euro (più 1.557 azioni di Banca Etruria, per un valore complessivo 1.100)
– Marianna Madia: 94.471
– Matteo Richetti: 91.204 euro
– Francesco Campanella, ex M5S: 90.814 euro
– Denis Verdini: 90.663 euro
– Gian Marco Centinaio, presidente dei senatori leghisti: 89.932 euro
– Paola Taverna: 88.209 euro
– Roberto Speranza, capogruppo Pd: 88.000 euro
– Vito Crimi: 87.549 euro
– Barbara Lezzi del M5S: 85.312 euro
– Sergio Battelli del M5S: 82.788 euro
– Carlo Sibilia: 83.120
– Luigi Di Maio: 82.379 euro
– Carla Ruocco: 82.092 euro
– Alessandro Di Battista: 78.730 euro
– Arturo Scotto di Sel: 78.275 euro
– Roberto Fico: 78.229 euro
– Fabiana Dadone del M5S: 78.229 euro
– Lorenzo Dellai di Pi-Cd: 78.234 euro
– Massimo Artini, ex M5S: 78.000 euro
– Mario Giarrusso del M5S: 73.299 euro
– Marco Bergonzi del Pd è il Parlamentare più “povero” (ma solo perché è in Parlamento dal 30 ottobre in sostituzione di Federica Mogherini): 1.743 euro