EuroAssenteisti

EuroAssenteisti

Siamo in fondo alla classifica, quintultimi. I nostri 73 deputati europei sono al 24° posto, su 28 Paesi per presenza ai lavori. Dei veri campioni del Mondo del far niente. Dietro di noi solo Cipro, Grecia, Lituania e Malta.

Anche durante questa legislatura, che sta finendo, l’Italia si trova in fondo alla classifica della partecipazione alle attività politiche dell’Europarlamento. In totale, dalla prima sessione del luglio 2009 ad oggi, i nostri 73 eurodeputati italiani hanno partecipato al 79,55% dei voti per appello nominale (uno dei parametri più importanti utilizzati dall’organizzazione VoteWatch per misurare l’impegno dei parlamentari a Strasburgo e Bruxelles). L’Austria è nettamente in testa al 91,12%. La Germania è nona, i suoi parlamentari hanno partecipato al 86,78% delle votazioni. Ma non è tutto, sui 766 deputati europei di 28 paesi, sono ben 17 gli italiani oltre il 700esimo posto. Il nostro migliore? Sergio Silvestris, di Forza Italia, settimo con il 98,21% dei voti per appello nominale. Il peggiore è Ciriaco De Mita, del Partito Popolare Europeo, 753esimo con appena il 49,23%.

Ma lor signori ci vengono a dire che “La quantità non fa la qualità”. Insomma… I dati di VoteWatch sulle diverse attività degli europarlamentari, oltre al numero di voti per appello nominale, ci sono i rapporti, i pareri, gli emendamenti e le interrogazioni, aiutano a capire perché l’Italia conta meno di altri in un’assemblea sempre più importante per la vita dei cittadini. Nel momento in cui il 75-85% della legislazione nazionale viene adottata attraverso il processo di co-decisione tra Europarlamento e governi, sono 22 i deputati italiani che non hanno scritto un solo rapporto legislativo o di iniziativa nei cinque anni della legislatura. Altri 27 italiani non hanno prodotto alcun parere delle commissioni competenti. Però, l’Italia è campione d’Europa delle interrogazioni parlamentari, con 12.086 domande a Commissione e al Consiglio. Che contano poco o niente. Più di 6 al giorno, sabato e domenica inclusi.

Saranno almeno presenti in massa alle votazioni? Manco morti. I volti più noti al grande pubblico sono anche i meno assidui durante i voti a Strasburgo e Bruxelles. Si vedono sempre ospiti nelle varie televisioni, e nessuno che si chiede ma questi quando lavorano? Mai. L’equazione è semplice, più frequentano i salotti televisivi meno sono presenti al Parlamento Europeo.

Classifica degli Europarlamentari più assenti alle votazioni nella legislatura 2009-2014

 

  1. TREMATERRA PPE 38.05
  2. DE MITA PPE 49.39
  3. BARBAGALLO S&D 50.34
  4. ALFANO ALDE 50.98
  5. MASTELLA PPE 53.30
  6. PATRICIELLO PPE 55.27
  7. GARGANI PPE 56.39
  8. ANTONIOZZI PPE 57.71
  9. ANTINORO PPE 58.28
  10. DE MARTINI ECR 61.09
  11. PALLONE PPE 61.27
  12. PITTELLA S&D 63.22
  13. TATARELLA PPE 65.42
  14. BONSIGNORE PPE 65.62
  15. SALATTO PPE 66.89
  16. BORSELLINO S&D 67.03
  17. COZZOLINO S&D 67.68
  18. BERLINGUER S&D 67.72
  19. SARTORI PPE 67.81
  20. VATTIMO ALDE 69.03
  21. BALZANI S&D 71.40
  22. PIRILLO S&D 73.54
  23. BARTOLOZZI PPE 73.68
  24. RIVELLINI PPE 74.75
  25. SASSOLI S&D 75.54
  26. IOVINE S&D 75.79
  27. MILANA S&D 76.74
  28. SALVINI EFD 76.91
  29. ALLAM EFD 77.12
  30. COSTA S&D 77.32
  31. ARLACCHI S&D 78.41
  32. BALDASSARRE PPE 78.82
  33. MOTTI PPE 78.84
  34. TOIA S&D 78.91
  35. PANZERI S&D 79.64
  36. DE ANGELIS S&D 80.02
  37. SCURRIA PPE 80.32
  38. PRODI S&D 82.06
  39. MAZZONI PPE 82.93
  40. PROVERA EFD 83.06
  41. RINALDI ALDE 83.22
  42. RONZULLI PPE 83.49
  43. SCOTTÀ EFD 83.75
  44. DE CASTRO S&D 84.84
  45. CANCIAN PPE 85.73
  46. COMI PPE 85.73
  47. BERLATO PPE 85.86
  48. CASINI PPE 86.30
  49. BORGHEZIO NI 86.42
  50. MATERA PPE 86.81
  51. MUSCARDINI ECR 87.88
  52. FIDANZA PPE 88.84
  53. IACOLINO PPE 89.14
  54. ZANICCHI PPE 89.50
  55. LA VIA PPE 90.26
  56. GARDINI PPE 90.42
  57. BIZZOTTO EFD 91.21
  58. CARONNA S&D 91.61
  59. DOMENICI S&D 92.03
  60. GUALTIERI S&D 92.34
  61. COFFERATI S&D 92.77
  62. MORGANTI EFD 93.42
  63. UGGIAS ALDE 93.54
  64. SPERONI EFD 93.77
  65. ANGELILLI PPE 93.92
  66. ROSSI PPE 94.56
  67. FRIGO S&D 95.02
  68. FONTANA EFD 95.49
  69. DORFMANN PPE 95.76
  70. BONANINI NI 96.40
  71. BERTOT PPE 97.31
  72. ZANONI S&D 97.86
  73. SILVESTRIS PPE 98.29

Beh considerando che sono pagati profumatamente, per essere presenti alle votazioni, scrivere interrogazioni, interpellanze, risoluzioni e rapporti, questa gente dovrebbe essere presa a Eurocalci nel culo. Invece l’attuale sistema premia le assenze, visto che queste incidono relativamente solo su alcune indennità accessorie (soggiorno e spese generali) ma non vi è alcuna decurtazione dello stipendio.