Tutti a puttane con Razzi

Antonio-Razzi-prostituzione-puttane

Antonio Razzi è fantastico, ma questa volta è riuscito a superarsi. Infatti ha tirato fuori dal cilindro un disegno di legge (ddl 1370), che intende disciplinare l’esercizio professionale della prostituzione tramite l’introduzione dell’attività di “operatore di assistenza sessuale” (OAS), tradotto più pilu per tutti…
Il Senatore, nobilmente, vuole eliminare l’adescamento in strada per trasferire “l’arte”, si legge nell’articolo 1, “all’interno di una privata dimora, in assenza di persone minori conviventi, in appositi studi professionali o in locali pubblici destinati a tale scopo esclusivo”. I luoghi precisa “dovranno essere muniti di un certificato igienico-sanitario dei locali rilasciato dall’azienda sanitaria locale (ASL), apposto in modo tale da essere visibile ai clienti e alle autorità preposte ai controlli”. Le lavoratrici saranno inquadrate come “ditta individuale o in cooperativa” i cui soci dovranno essere puttanieri da almeno 10 anni. E ancora, Razzi vuole istituire il registro professionale degli OAS, da tenere presso ogni questura. Ovviamente le puttane dovranno rilasciare fattura e ricevuta, perchè il pagamento della prestazione sarà tassato e quindi chi eserciterà l’attività in forma individuale dovrà aprire un’apposita partita Iva nazionale della previdenza sociale (INPS) e l’iscrizione presso l’Istituto nazionale per l’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro (INAIL). Si potrà “consumare” solo con “l’uso del profilattico per qualsiasi tipo di prestazione”. Se per caso il profilattico si rompe il tutto dovrà essere “denunciato, da parte del soggetto esercente l’attività di OAS, alle autorità sanitarie competenti, entro il primo giorno feriale successivo all’evento, con indicazione delle generalità del cliente”. L’operatore di assistenza sessuale potrà pubblicizzare la sua attività sulla stampa quotidiana e periodica non destinata espressamente a minori, mediante spot televisivi o radiofonici (consentita tra le ore 23 e le ore 6). Ma per pudore “è vietata la pubblicità dell’attività di OAS mediante manifesti stradali”.
Immenso Razzi attento alla sicurezza, alla salute e alla professionalità delle lavoratrici. Ora non ci resta che aspettare che il disegno di legge venga approvato così serenamente e felicemente l’Italia potrà andare a puttane a norma di legge.


Commenti

  1. […] Il senatore di Forza Italia, e mio personale “idolo”, Antonio Razzi dopo la proposta per regolarizzare l’esercizio professionale della prostituzione tramite l’introduzione dell’…, finalmente le incontra. Accompagnato da Monica Raucci per “La Gabbia” (La7), il […]